I nostri programmi per i Municipi

Per i lavoratori e i disoccupati, contro il precariato
Per la salute e la sanità pubblica, basta soldi ai privati
Per la difesa del territorio e la tutela dell’ambiente, contro grandi opere inutili
Per le periferie vivibili, riqualificazione partecipata basta servitù
Per la pace, contro il riarmo

Dopo aver lavorato unitariamente a diverse iniziative politiche tenutesi in città,

il Partito Comunista Italiano

il Partito della Rifondazione Comunista

e Sinistra Anticapitalista

hanno deciso di proporre ai cittadini genovesi una lista unitaria, di sinistra, di classe, per le prossime elezioni amministrative, alternativa sia alla destra del duo Bucci-Toti, che al cosiddetto centrosinistra (in realtà centro liberista), identificabile nel PD e nei suoi alleati.

La lista, proposta dai tre partiti d’ispirazione comunista e anticapitalista, che sarà presentata anche nei nove Municipi genovesi, è aperta alle altre organizzazioni, comitati, associazioni, movimenti, nonché ai singoli attivisti, militanti e cittadini che hanno portato contributi di idee, di esperienza e di lotta.

Come candidata Sindaca viene indicata la compagna

ANTONELLA MARRAS

una donna, una lavoratrice, fortemente rappresentativa di tante battaglie sociali,

ambientaliste, in difesa del territorio e delle periferie territoriali e sociali.

Il simbolo della lista, costituito da quelli delle tre organizzazioni politiche, reca la scritta “La Sinistra insieme”, a significare un’idea di progetto, di un metodo di partecipazione attiva, di apertura a chi si identifichi nei valori portanti delle lotte operaie, sociali e ambientali degli ultimi anni, di un fronte comune per “una sinistra che resti a sinistra”.

Vogliamo portare nel Consiglio comunale e nei Municipi voci discordanti rispetto ai dettami economici e sociali perseguiti a livello nazionale dal governo Draghi e dalla sua maggioranza, dove si ritrovano assieme le destre e il cosiddetto centrosinistra.

Abbiamo bisogno che tutte le voci presenti nei nostri quartieri, di ferma opposizione alle politiche urbanistiche, trasportistiche, economiche e sociali, trovino eco anche nelle stanze delle istituzioni comunali: una sinistra di classe, di alternativa, di opposizione ai poteri forti che da decenni determinano le scelte politiche e che hanno fatto sì che si accettasse supinamente di svuotare Genova da lavoro di qualità, da presidi sociali, sanitari e culturali, come da qualsiasi cosa che rappresenti e dia vita alla rete di relazioni non mercantili, base per un miglioramento della qualità della vita dei suoi abitanti.

Progetto politico e principali obiettivi programmatici:

  • Tutela e rivalutazione sia delle periferie cittadine che delle periferie sociali e delle loro fragilità;

  • Tutela del lavoro e dell’occupazione, progressive reinternalizzazioni nei servizi comunali e nelle aziende collegate, lotta alla precarietà in tutte le sue forme, difesa e potenziamento quantitativo e qualitativo dei livelli occupazionali nell’industria e nei servizi;

  • Tutele dell’ambiente e cura del territorio, lotta alla cementificazione;

  • Blocco delle privatizzazioni ed esternalizzazioni (anche di quelle prospettate nel DDL concorrenza);

  • Recupero del patrimonio abitativo dismesso a fini sociali: diritto alla casa, impegnando ARTE e la gestione del patrimonio pubblico ad investire nel censimento, rispristino e disponibilità dell’esistente, restituendo alle persone costrette all’occupazione abusiva la dignità che è loro dovuta, in un’ottica di rovesciamento dell’attuale indirizzo di demolizioni e sporadiche ricostruzioni favolistiche che nulla risolvono;

  • Il potenziamento quantitativo e qualitativo del sistema educativo e scolastico pubblico che fa capo al Comune (asili nido e scuole dell’infanzia) e dei servizi per il diritto allo studio (mense, trasporto, ecc.), nonché il sostegno alle iniziative culturali non mercificate sul territorio.

  • Attuazione e potenziamento di politiche locali volte alla tutela di genere, alle pari opportunità, all’accoglienza, al sostegno delle fasce deboli, alle famiglie con minori;

  • Antifascismo, passaggio obbligato per una città medaglia d’oro della Resistenza, vilipesa da ripetute iniziative sia della Giunta Bucci che della sedicente opposizione.

I nostri programmi Municipio per Municipio

Municipio I Centro Est

I NOSTRI PUNTI FERMI

  • Porto

  • Centro Storico

  • Castelletto

  • Lagaccio

  • Sicurezza – Ordine Pubblico

  • Antifascismo

Municipio II

I NOSTRI PUNTI FERMI

  • Riqualificazione delle periferie cittadine e sociali

  • Mobilità sostenibile

  • Tutela dell’ambiente

  • Cultura

  • Lavoro

  • Salute

  • Sport

Municipio III

I NOSTRI PUNTI FERMI

  • Condizione sociale

  • Lavoro

  • Servizi, ambiente, vivibilità

  • Diritto alla casa

  • Politiche socio-sanitarie

  • Cultura e aggregazione

  • Antifascismo

Municipio IV

I NOSTRI PUNTI FERMI

  • Condizione sociale

  • Lavoro

  • Servizi, ambiente, vivibilità

  • Diritto alla casa

  • Politiche socio-sanitarie

  • Istruzione

  • Cultura e aggregazione

  • Antifascismo

Municipio V

I NOSTRI PUNTI FERMI

  • Condizione sociale

  • Lavoro

  • Infrastrutture e loro impatto ambientale

  • Servizi, ambiente, vivibilità

  • Diritto alla casa

  • Politiche socio-sanitarie

  • Istruzione

  • Cultura e aggregazione

  • Antifascismo

Municipio VI

I NOSTRI PUNTI FERMI

  • Condizione sociale

  • Lavoro

  • Infrastrutture e loro impatto ambientale

  • Servizi, ambiente, vivibilità

  • Diritto alla casa

  • Politiche socio-sanitarie

  • Istruzione

  • Cultura e aggregazione

  • Antifascismo

Municipio VII

I NOSTRI PUNTI FERMI

  • Porto di Prà

  • Messa in sicurezza del territorio

  • Presidio AMIU

  • Trasporto pubblico

  • Servizi sociali

  • Parchi pubblici

  • Lotta al degrado

  • Aree industriali

Municipio VIII

I NOSTRI PUNTI FERMI

  • Condizione sociale

  • Lavoro

  • Servizi, ambiente, vivibilità

  • Politiche socio-sanitarie

  • Istruzione

  • Cultura e aggregazione

  • Antifascismo

Municipio IX

I NOSTRI PUNTI FERMI

  • Condizione sociale

  • Lavoro

  • Infrastrutture e loro impatto ambientale

  • Servizi, ambiente, vivibilità

  • Politiche socio-sanitarie

  • Istruzione

  • Cultura e aggregazione

  • Antifascismo

Translate »